Anna D’Elia: Pino Pascali, L’uomo che cammina nudo

nnnnAnna D’Elia, studiosa di arte contemporanea, da anni impegnata a ripercorrere la vicenda artistica e umana dell’artista Pino Pascali in questo suo racconto romanzato, colmo di aneddoti e verifiche storiche sull’arte e sui personaggi della Roma degli anni ’60, offre al lettore un identikit dell’opera e dell’uomo Pascali che ne approfondisce la conoscenza non solo da un punto di vista storico critico ma anche biografico e psicologico. Uno spaccato degli artisti che ruotavano intorno alla Scuola di Piazza del Popolo a Roma e che, con le loro opere, hanno cambiato il divenire dell’arte contemporanea italiana.”

Dalle dichiarazioni dell’autrice si apprende che avrebbe scritto questo libro come se si trattasse di un copione cinematografico, inseguendo l’artista sul piano del suo presente plasticamente poetico, nonché del suo quotidiano. V.V.

Di Anna D’Elia, Pino Pascali. L’uomo che cammina nudo. Editore Peccolo, p. 96, 15 euro.pino

Della stessa autrice, qua sotto: La scimmia di Degas:”Il 2 febbraio 1880, come il peggiore dei criminali, varcai la soglia della sala d’udienza nel Tribunale di Parigi. I capi d’accusa erano: sfruttamento di minore, sadismo, necrofilia, abusi, maltrattamenti e induzione alla prostituzione”. Edgar Degas, di fronte a un pubblico accanito composto da artisti, modelle, cittadini e scrittori, è costretto a difendersi da solo. Ma chi lo ha portato alla soglia del baratro? Come è arrivato al punto più basso della sua esistenza? La risposta in un romanzo che coinvolge per i drammi, gli amori e la visionarietà che solo gli artisti sanno imprimere alla propria esistenza.

degas


Leave a Comment