Di Maio sempre più ambizioso

bambioSembrava distesa l’atmosfera tra Movimento Cinque Stelle e Partito Democratico. Dopo le consultazioni e l’incarico per formare un nuovo governo ufficialmente assegnato a Giuseppe Conte dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella, i toni si sono però riaccesi. A cominciare da quelli dell’ex ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio:
«Abbiamo presentato alcuni punti che riteniamo imprescindibili. Se verranno accolti bene, altrimenti meglio andare al voto e, aggiungo, anche presto». La lista si allunga. I punti considerati «imprescindibili» diventano venti.

I 20 punti del M5S per fare il governo con il Pd
La controparte, il Pd, non reagisce bene: «Basta con gli ultimatum o non si va da nessuna parte», ha dichiarato il segretario Nicola Zingaretti dopo aver annullato un incontro previsto con Di Maio. Nella serata del 30 agosto, Conte ha incontrato i rappresentanti delle due parti per delineare un percorso di lavoro che permette di elaborare un programma condiviso. Poi la programmazione di un nuovo appuntamento la mattina del 31 agosto.

Oggi: L’incontro tra Giuseppe Conte e le delegazioni di Pd e Movimento Cinque Stelle era previsto per le 9.30. Slitta invece, secondo quanto si apprende, in tarda mattinata. Verso mezzogiorno.
Da Microsoft, è tutto

(Di Maio, sempre più ambizioso, non capisce che sembra un bambino prepotente cui è stato sottratto il giocattolo e il bambino più grande con cui giocava- il suo primo amore, socialmente parlando) vv. .


Leave a Comment