Il coronavirus

Simpson-Coronavirus“In Cina, i nuovi casi di coronavirus accertati sono stati 1.291, spingendo il totale su scala mondiale con il coinvolgimento di una dozzina di Paesi (da ultimo anche la Germania), oltre quota 4.000. Soltanto nell’Hubei i casi sono stati 2.714, di cui 2.567 trattati con il ricovero ospedaliero e 47 nel frattempo dimessi dopo le relative cure”. Sottolineo questa frase. dimessi dopo le relative cure vuol dire che le cure hanno funzionato, che i pazienti non hanno dovuto fare dei lunghi viaggi per essere guariti, che la loro guarigione è salvazione per sé e per gli altri – tutti quelli che, almeno da questi 47, non dovrebbero essere contagiati.

Ma capirei chi, tenuto conto del fatto che una persona guarita è una persona che si è ammalata, voglia mantenersi a distanza, non corra tra le sue bracca e nemmeno sieda alla sua tavola – intendo dire che se c’è il minino pericolo che i salvati possano in qualche modo risultare contagiosi senza che lo si sappia, sarà tenuto in considerazione da chi non desidera correre pericoli, soprattutto nelle zone dove imperversa la malattia.

In queste zone la gente sarà sul chi vive, prenderà le distanze da chiunque accenni un colpo di tosse, ma spero non portino il termometro in tasca come un’arma per risalire alla malattia seduta stante – imponendo un controllo fuori norma.
Ma se le mascherine sul viso parlano di precauzione, le stesse potrebbero essere usate per celare il morbo incombente?

Infine: di quale natura sono i pensieri di chi oggi sta convivendo con questo incubo? Il coronavirus contiene tante belle parole, è fatto di corona, di oro, di navi, di avi – i nonni sono benevoli, ma chi se ne frega della poesia quando è in pericolo la salute. Giusto. No, la poesia è un virus che ovunque si annida salva l’anima.

Microsoft: (Esclusa per gli italiani bloccati in Cina l’idea di un “trasferimento via terra, che implica quarantene piuttosto complesse”, la Farnesina “sta valutando insieme anche con altri soggetti tra cui l’istituto Spallanzani, il ministero della Sanità e il centro interforze l’idea di un trasferimento aereo”, che comunque “sarà complesso”. Lo ha detto il capo dell’Unità di Crisi Stefano Verrecchia. Le vittime del nuovo coronavirus sono aumentate a 106 morti. I nuovi casi d’infezione accertati sono saliti a 4.515, quasi raddoppiati in 24 ore. In Giappone un uomo è stato contagiato da alcuni turisti cinesi arrivati da Wuhan. Hong Kong blocca treni e traghetti per la Cina. Il ministro Speranza: “Serve un coordinamento internazionale”. Il presidente cinese Xi promette “una lotta seria” contro il virus, che definisce “un demone”.) 29.1.2020


Vito Ventrella

Leave a Comment