L’esecutivo non è credibile

Sui decreti Sicurezza sembra di essere tornati al conflitto di interessi ai tempi di Berlusconi, quando la sinistra al Governo non faceva la legge"

“Sui decreti Sicurezza sembra di essere tornati al conflitto di interessi ai tempi di Berlusconi, quando la sinistra al Governo non faceva la legge”

“Il leader delle Sardine: ‘Così l’esecutivo non è credibile’ Repubblica”. Un giudizio. Ma esprimerlo vuol dire esercitare un potere. Questo potere è tanto evidente quanto occulto. L’evidenza è data dal fatto che, attraverso il giornale, ne vengono a conoscenza altri (tutti gli altri che hanno interesse a seguire le vicende politiche della nazione). L’essere occulto è nella dimensione in cui un giudizio, espresso pubblicamente, si insinua nel discorso comune, nell’animo umano e semina dubbi, incertezze, speranze.

Stando così le cose, prima o poi le Sardine eserciteranno il potere conseguentemente al fatto di criticarlo. Ebbene, se la critica è già di per sé una correzione, presto saliranno veramente in cattedra. È pensabile che alcuni di loro si stiano già preparando, che leggano, studino la Costituzione, il modo di formare un governo, Camera Senato e via di seguito? Sì, è probabile, e fanno bene, non credo che resteranno Movimento come i 5Stelle giacché si sono resi conto che i 5Stelle funzionano come un partito anomalo, sicché tanto vale iscrivere le Sardine alle elezioni, candidare i più preparati di essi e attendere i risultato tenendo conto del fatto che potrebbero essere in tanti a volere candidarsi e che la scelta non è indolore.

Per cambiare le cose – e per cose intendiamo la macchina dello Stato – è necessario cambiare le leggi, niente di più difficile, ma si passa da questo. Il movimento delle Sardine nelle piazze può solo cambiare l’umore. Può cambiare il sentire, il muoversi e commuoversi intorno ai fatti, può fare pressione sul sentimento dei politici, può suggerire dei cambiamenti, ma per dare forma e sostanza alle proprie idee, deve vincere chi o cosa gli si oppone. Il che è possibile nell’ambito di casa nostra, ma con l’occhio e l’orecchio rivolti al vicinato, – per vicinato si intende il mondo che ci circonda. Le Sardine possono anche nuotare in questo mondo senza essere istituzionalizzate, ma non possono firmare trattati, non possono influenzarne lo spirito, l’economia.

Trattati, regole. Niente di così perfetto da non potersi raggiungere. Ma l’imperfezione può diventare una bussola. Una prima meta.
I partiti non possono migliorare tutto quello che è da migliorare, ma a volte ci si accontenta che non distruggano tutto. Si lotta e si lavora per questo, ben vengano i movimenti dotati di tale spirito.


Vito Ventrella

su Amazon

GIUNTI-Amazon

Leave a Comment