Come si guardano le stelle, oggi?

La Varietà di Rose Stella Polare (Polarstern) appartiene alla gamma degli Ibridi di Tea, selezionata da Rosen Tantau nel 1982,

Un ultimo sguardo alla stella polare, un ultimo lunghissimo sguardo, poi abbassi l’avvolgibile. Gli atti che ci riguardano in questo periodo hanno un che di malinconico, quelle stesse cose che hai sempre fatto e subito dimenticato come se non le avessi minimamente attuate o pensate, in questo periodo si fanno registrare come se volessero farsi portare via prima che qualcosa possa disperderle nel tempo e nello spazio di cui seguitiamo a non sapere nulla – questo tempo e questo spazio cui siamo attaccati come bambini al biberon, pur non avendo un’idea precisa di come agiscono in noi e fuori di  noi – per saperlo forse non basterebbe studiarli come è stato già fatto da menti sottili – per saperlo non resta che quell’istante in cui stai per abbandonare la visone di una stella un po’ come se l’abbandonassi al suo destino, tu che non sei in grado di abbandonare nulla e nessuno,  un destino che non conosci – ma qualcosa succede dal momento in cui ti stacchi da una visione, ne abbandoni la vista e  senza neanche dirtelo fai un lungo viaggio – in un istante sprofondi in una lontananza da quella stella o da quel pensiero e ti porti via tutto quello che stava nascendo intorno a questa immagine, l’abbandoni incurante, giacché non avrebbe alcuna importanza – e non perché non importa a nessuno quello che sta accadendo tra  te e il firmamento,  sai benissimo che non ti prendi in considerazione neanche tu, l’interessato: a cosa?

A questo momento che hai avuto la fortuna di guardare con i tuoi occhi e non pensi nemmeno che ciò sia vita, forse è qualcos’altro, forse è una non vita che cerca di inviarti dei messaggi come sa fare lei, senza scomodarsi dal posto che occupa – le stelle a noi sembrano immobili, immobili sono i pensieri che tentano di raggiungere una luce innocente prima che l’avvolgibile la copra.

Dopodiché resterai invischiato nel solito tran tran della serata al Covid, lavarsi le mani prima di prepararsi la cena. Forse l’unica cosa concreta in una mente che non è disposta a starsene seduta, immobile come una stella nel cielo.

Come si guardano le stelle, oggi?

Vito Ventrella

—————————————————————————

Leave a Comment