Il silenzio della bellezza: Antonella De Benedictis

mandorlo-ugo

Il silenzio della bellezza

Se il mio sguardo non copre questa spiaggia deserta
stanotte ancora esisterà più bella.
Forse la luna che sorge
illuminerà solo un gabbiano lontano
o una nave perduta in mare.

****

E questo argento che si diffonde sui pensieri
mi dice che solo in ricordo tornerò in quel porto
dove più volte passammo sognanti.

*****

Immaginare al sole nascente
l’alba sulle cime degli ulivi,
sul tetto di una casa solitaria
che non riecheggia di voci, dove non cigola il cancello
e nessuno raccoglie frutti da terra.

****
Riprendo a vivere in un tempo leggero
mentre il silenzio della bellezza dentro me
vuole ancora arrivare lontano.

Restituiremo tutto:
la nostra beata solitudine,
l’eccentricità dei gesti,
quell’aria da eterni ragazzi.
Le conserviamo mentre camminiamo per strade infinite
con gli occhi bassi guardando il selciato
per non farci scappare via
nemmeno una goccia di poesia.
Ma restituiremo tutto un giorno,
lo teniamo in pegno in cambio della vita,
poi che ci daranno indietro la nostra vera
non servirà più a nulla trattenere.
Ci ricordiamo com’era
mentre scherziamo come allegri giullari,
o sorprendiamo qualcuno con gesto gentile.
Eppure già alcuni ci guardano male,
vorrebbero dirci che non abbiamo nessun diritto,
nessun privilegio: come poter credere di fermare
la giovinezza?

Ma noi lo sappiamo che un giorno restituiremo tutto,
tutto ciò che tratteniamo,
alla fine non sono che vezzi di un tempo non troppo lontano.

 

De Chirico

Come un fantoccio crocifisso in una piazza assolata
Non c’è voce, ne’ suono, non anima
che ti consoli.
Aspetti la fine col capo chino mentre
Il cielo si espande e incombe sopra te.
C’è stato un tempo in cui hai corso, lottato, scalato
Un tempo in cui hai combattuto
Il petto come uno scudo, le gambe possenti.
Dove sono coloro che hanno danzato con te?
Quando il mondo andava con l’amore e la pietà,
ti hanno lasciato solo in questo eterno momento.
Intorno solo vestigia di epoche lontane
Le guardi ma non ricordi più il tuo inizio
Mentre l’ombra che avanza presto ti abbraccia.


 

Leave a Comment