Lei – contagiosa con la sua voglia di vivere

Ronit Elkabetz nel film La banda, diretto da Eran Kolirin

Ronit Elkabetz nel film La banda, diretto da Eran Kolirin

Mi riesce difficile impadronirmi di nuovi vocaboli che i più giovani conoscono bene come post, poke e via di questo passo. Se sento parlare di Instagram penso ad una istantanea, a un telegramma. Spesso non ho alcuna voglia di tradurre, di capire, mi rifugio nell’apatia. Il poke mi è antipatico. E non riesco mai a restituirlo. Credo di aver perso tanti “amici” in questo modo.

D’altronde ho perso per strada un sacco di cose e di persone, so anche che seguiterò a perderle, il perché è evidente: si perde ciò che si è amato, di nessun’altro si avverte la perdita, voglio dire che il senso della perdita viene da tutto ciò che era, se non nel nostro cuore, perlomeno nel nostro sguardo affettuoso o commosso.

Difficile tenere tra le braccia tutti coloro che sono scivolati nella nostra anima per una parola, un gesto, un incontro. Queste persone sono tenute insieme in un diario che nessuno si prende la briga si scrivere, troppo faticoso armeggiare con le parole intorno ai loro profili. E così li perdiamo dal momento in cui non sappiamo descriverli.

Certe volte vorrei avere la capacità di dire indossava una maglietta di colore scuro. Ma dopo aver fatto caso al colore, scivolo via in ciò che è stato detto con una smorfia o non è stato detto: il luogo dei sogni.

Anch’io ho un giocattolo, Facebook, ma non ne faccio tanto uso.

Ieri sera ho visto in tv un film bellissimo, La banda, fatta di musici di paese. Lei era bellissima, lei era il pane e il companatico, lei si è preso cura della banda che era capitata in questo posto deserto, lei l’ha accolta nel suo grembo, nel numero di uno solo per tutti, lei era un’attrice, lei era la donna che desideriamo incontrare quando andiamo lontano, nel deserto.


Vito Ventrella

Su Amazon

Il libro è su Amazon se qualcuno desidera leggerlo…

                 divisa

                                                                  in tanti piccoli

                                          spicchi                                                         gocce d’oro

                                         occhi splendenti

                                        Pa me la                             esiste

                   mela           resiste                                                                                                      adesso più viva che mai in chi la vede

                                       non appassire

non più la falce su di lei                 sola                    fanciulla divina

Leave a Comment