Murakami premiato in italia

ALBA, Italia – Il romanziere di fama internazionale Haruki Murakami ha vinto un premio letterario internazionale, ma non è il premio Nobel per la lmuraetteratura che la sua legione di fan ha atteso a lungo.
A 70 anni è stato nominato quest’anno vincitore del premio letterario italiano assegnato dalla Fondazione Bottari Lattes.

L’autore giapponese ha partecipato alla cerimonia di premiazione tenutasi in un teatro ad Alba, nell’Italia settentrionale, l’11 ottobre.
Di fronte a 900 fan entusiasti, Murakami ha parlato della sua carriera e del ruolo che i romanzieri hanno avuto nel mondo.
Nella conferenza intitolata “Un piccolo falò in una grotta”, ha parlato per la prima volta di come ha iniziato a scrivere un romanzo all’età di 29 anni, dopo aver diretto un jazz club a Tokyo.
“Sapevo di non poter scrivere come (Honore de) Balzac e (Fyodor) Dostoevsky, ma pensavo di poter probabilmente scrivere una storia a modo mio”, ha detto Murakami. “La storia dei romanzi esiste dai tempi in cui gli esseri umani vivevano nelle grotte”.
Per Murakami, le storie raccontate davanti a un fuoco sono i romanzi originali. Ha detto che queste storie hanno dato alla gente un senso di sollievo temporaneo dalla loro fame e paura.
I romanzieri sono discendenti di tali narratori, ha detto Murakami.
“Non c’è piacere come essere in grado di essere la luce che brilla nelle tenebre in vari punti del mondo”, ha detto concludendo il suo discorso.
Il premio è stato assegnato a scrittori famosi tra cui Patrick Modiano, scrittore francese e premio Nobel per la letteratura, e Amos Oz, scrittore e giornalista israeliano, deceduto nel dicembre 2018.


Staff

Leave a Comment