Le formiche italiane

Formica Rufa

Vito Ventrella
Puliti dalla testa ai piedi. Odorosi di sapone – il Dio del Covid-19, saponi di ogni genere alla ribalta, soprattutto quelli liquidi, DOVE ogni 20 minuti, non è per fargli la pubblicità, non ne hanno bisogno, dall’inizio della pandemia hanno fatto guadagni stratosferici e se ne stanno zitti zitti, guai a farci sapere che i saponifici di ogni genere e grandezza si sono arricchiti.
Quando si impoveriscono sono tutti lì a piangere, lo Stato che non li aiuta, poverini, battono sugli occupati, sui prossimi licenziamenti, e così via per mettere paura alle famiglie – perché si sa che uno Stato democratico ci tiene al popolo, e il popolo è fatto di famiglie, di più quelle oneste che quelle mafiose che non si capisce come si sono conquistate il diritto di essere tutti giorni in televisione coi soliti noiosi film sui mandanti e sui mandamenti malavitosi.

Ma pensate sul serio che la gente che è rimasta in casa da marzo scorso abbia ridotto i consumi mandando alla malora le aziende che producono, le aziende che incartano, impacchettano, le aziende che trasportano, le aziende che distribuiscono, le aziende che usufruiscono di sconti per stare aperte, venirci incontro, consolarci, riscaldarci, raffreddarci – pensate che i gelati non siano stati prodotti mentre ci correva il gelo lungo alla schiena alla notizia di milioni di contagi nel mondo?

Allora non avete capito che soprattutto noi italiani guariamo dai nostri infimi mali consumando, mangiando, facendo provviste – come siamo bravi a riempire i ripostigli di qualsiasi cosa ci passi per la testa prima che gli scaffali dei SUPERMERCATI siano stati svuotati – che cosa oscena!
Ma li avete visti quegli scaffali vuoti, ripuliti dalla formiche italiane? Che oscenità.
Dio mio che roba. Se aveste aguzzato la vista avreste visto le tracce della lotta per accaparrarsi una busta di biscotti Balocco.
E del Mulino Bianco no?!
E dai, noi siamo bravi a rimacinare la farina dei nostri sacchi – dove sono? Negli scantinati. Nei frigo grandi come case.
Altro che le aziende chiudono. Gli occhi sì, quelli dei tanti che si sono chiusi per non vedere lo scempio di questa Italia Aziendale che si premia.
(Avete notato qualche sapone scontato? Chissà, forse si dovrebbe ringraziare il Covid-19 per averci ripuliti e profumati come non mai.)
Che sporca vita.


Leave a Comment