Sei bellissima

Bella, buonasera, sei bellissima, che splendida donna – sono alcune tra le tante espressioni di ammirazione rivolte a una donna che, come dice Facebook, potrebbe essere una tua nuova amicizia. Non mi aspetto che LEI risponda a queste esternazioni che per un attimo la tirano fuori dal suo riserbo. Ma chi le fa ci spera, si veste di puòdarsi, perchéno, dopotuttosuccede.

L’universo delle probabilità è ricco di fatti che accadono e anche di speranze infrante. Certo, se una ragazza si mette in posa o quasi su Facebook si può pensare che non le dispiaccia attirare l’interesse di un uomo. POTREBBE STARCI.
Eppure tutto questo appartiene al mondo delle immagini e in questo mondo ci sta volentieri chi crede nelle favole. Non che le donne non ci credano. Ma penso che le loro partenze siano più realistiche, per esempio una presentazione, una stretta di mano, una cortesia in un posto affollato, una di quelle cortesie che ti fanno girare indietro a guardare…

E la stretta di mano, se non è quella giusta, è da scartare. Come si sanno queste cose lo sappiamo tutti, ognuno ha la propria sensibilità – ma quelle frasi che restano sulla pagina della ragazza, sei bona, bella, seducente eccetera servono solo a restare a mollo nella brodaglia del social. Eppure per tanto tempo non è stato questo il mare della vita. Ogni occasione aveva un nome diverso. Ci si vedeva tra i banchi di scuola, sulla giostra, sul corso, sul muricciolo, sulle slitte, in bici, non eravamo dei vermiciattoli o forse sì, chissà, e i vermi forse non ci facevano schifo come le attuali blatte, per non parlare dei virus che si sono presi la scena del mondo e non accennano a lasciarla. L’avrebbero già abbandonata se il mondo fosse stato grande come una capocchia di spillo, ma in questo mondo così grande, così facoltoso, così pieno di frutti, di colori, di amori, chi non vorrebbero vivere? Lasciarlo è l’ultimo pensiero.
—————————————————————————————————————————————-
Vito Ventrella

Leave a Comment